Come Avere Pianta di Glicine di Diversi Colori

A chi non piacerebbe avere una bella pianta fiorita fuori casa, che richieda poche cure e che abbia dei bellissimi fiori profumati con diverse colorazioni. Il glicine fa al caso vostro. Se seguite i brevi passi qui di seguito elencati potrete averla anche voi.

Come primo passo dovrete andare in un negozio di verde o garden e comprate le 3 piante di glicine (wistaria sinensis) di diverso colore (meglio violetto, bianco e azzurro). Comprate (se non lo avete) un palo tutore alto 2mt di piccolo diametro (5/ 6 cm) o una canna di bambù di pari altezza, e comprate anche la rafia (che non è altro che una specie di nastrino verde che usano i giardinieri per legare gli arbusti)

Trovate la posizione migliore nel vostro giardino, possibilmente in mezz’ombra. Il terreno deve essere ben concimato e nè troppo argilloso e nè troppo sabbioso. Quindi con la pala iniziate a creare la buca lasciando la terra di fianco al buco…immaginate che ci devono stare 3 vasi di glicine quindi state un pò abbondanti. Di solito i vasi sono alti 20/30 cm e quindi dovrete fare una buca circolare di circa 50 cm di raggio.

Prendete il palo tutore e appoggiatelo in mezzo alla buca che avete creato e con la mazzetta da muratore picchiate sulla testa del palo e in questo modo cercate di conficcarlo il più possibile nel terreno. Fate questa operazione finchè, appoggiandovi al palo, non lo riterrete fissato nel terreno.

Prendete la prima pianta di glicine, svasatela girandola leggermente sottosospra e appoggiate la zolla nuda nel buco. Slegatela, sbrigliatela dalla cannetta su cui è legata (di solito i rampicanti sono legati ad una cannetta di bambù) e lasciatela a terra. Fate sempre con cura e attenzione senza rompere i rami.

Fate lo stesso con le altre due piante e posizionatele nella buca. Otterrete quindi, una serie di rami, che appartengono alle 3 piante completamente distesi sul terreno, e il palo tutole conficcato nella terra al centro delle tre zolle. Immaginate di ottenere una specie di candela (il palo) e alla sua base il glicine ben disteso.

Ora, con molta cura, prendete un ramo del 1° glicine e lo arrotolate a spirale attorno al palo facendo attenzione di legarlo ogni 30 cm con la rafia. Poi prendete il ramo del 2° glicine e fate la stessa operazione, infine fate lo stesso con un ramo del 3° glicine. Se ci sono altri rami a terra (sarà molto probabile) iniziate di nuovo l’operazione della legatura a spirale.

Ora con la pala riavvicinate la terra alle zolle dei glicini, col piede schiacciate la stessa terra compattandola e bagnate in modo abbondante. Con la forbice da giardiniere tagliate i rami secchi oppure quei rami che hanno poche gemme. Tagliate anche quelli che sono troppo corti che non riuscite a mettere attorno al palo. Vi assicuro che in 2 anni i rametti avvinghiati al palo diventeranno grossi e si fonderanno l’uno con l’altro creando quasi una cosa unica. In primavera vedrete che spettacolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *